STAI LEGGENDO

Donare sangue ai tempi del coronavirus

Donare sangue ai tempi del coronavirus

Donare ai tempi del coronavirus

In questi giorni di preoccupazioni, quarantena, restrizioni, siamo chiamati a cambiare le nostre abitudini per il bene di tutti. Il Coronavirus sta avendo un impatto molto forte sulla nostra collettività, sulla nostra routine e su come siamo abituati a stare insieme. Governo ed istituzioni hanno messo in campo diverse misure per impedire il diffondersi del virus, ma questo non deve mettere un fermo alla solidarietà!

L’appello di Avis: #escosoloperdonare

Sin dall’inizio dell’emergenza Coronavirus, Avis ha lanciato appelli su tutto il territorio nazionale riguardanti l’importanza di continuare a donare sangue e plasma. «Nessun rischio per chi dona il sangue». Oppure «Non c’è pericolo di contrarre il Coronavirus durante la donazione». E ancora «Con la ripresa delle attività chirurgiche entreremo in emergenza». L’hashtag #escosoloperdonare, lanciato su tutti i canali social e ripreso dalle sezioni provinciali e comunali, è rimbalzato migliaia di volte in rete, spingendo molte persone a chiamare Avis per la prima volta per prenotare gli esami di idoneità.

L’appello del presidente di Avis Provinciale Brescia

Anche il nostro Presidente Gabriele Pagliarini ha lanciato un accorato appello ai media locali. Potete vedere qui la sua intervista a Teletutto TG. Un invito alla donazione ed al senso civico ai tempi del Coronavirus. Pagliarini ha sottolineato come sia in sede Provinciale (in Piazzetta Avis 1) sia nelle sedi comunali e nelle strutture ospedaliere del territorio che si occupano di raccolta sangue sono state messe in campo strategie per la sicurezza dei donatori.

All’ingresso viene effettuato un triage, con misurazione della temperatura corporea, sono presenti soluzioni disinfettanti lungo il percorso del donatore, che è invitato a mantenere la distanza di sicurezza di 1 metro, e viene effettuata la sanificazione dei locali. Inoltre, per chi si reca presso le sedi Avis ed ospedaliere è possibile mostrare la propria tessera o presentare un’autocertificazione (che potete scaricare qui). Viene poi rilasciata a tutte le persone che si presentano una giustificazione dell’avvenuta donazione od esami.

 

C’è una novità importante per la sede di Brescia. L’accesso al centro di raccolta in Piazzetta Avis 1 – Brescia, per tutti i donatori, nuovi e non, è solo previa prenotazione. Rimangono invariati gli accessi alle unità di raccolta territoriali e presso i servizi trasfusionali degli ospedali bresciani. Per prenotare una donazione di sangue intero o una nuova iscrizione bisogna chiamare il numero 366 2433660 dalle 8:30 alle 12:30 dal lunedì al venerdì. Per prenotare una donazione di plasma il numero rimane invariato ed è 0303514411.

La raccolta fondi AiutiAMOBrescia

La generosità dei bresciani non è venuta meno in questo momento. Così la raccolta fondi lanciata dal Giornale di Brescia e da Fondazione Comunità Bresciana per aiutare gli ospedali bresciani ha già raggiunto quota 14.717.335,31 milioni di euro. A favore di questa iniziativa, Avis Provinciale Brescia ha contribuito con una donazione e chiede a chi può di dare una mano, perché noi di Avis sappiamo bene che un piccolo gesto salva la vita. A questo link potete trovare i riferimenti ufficiali per contribuire.

Cara Avis, ti scrivo…

Ora tocca ai donatori proseguire con i loro gesti di generosità e prenotare. La donazione è sempre stata un’azione responsabile e siamo certi lo sarà anche in questo momento. Per sentirci tutti un pò più vicini, abbiamo anche pensato che sarebbe bello che ci scriveste. Come donatori. Come riceventi. Come soci volontari. Per raccontarci i motivi che vi hanno spinto a donare, che cosa si prova a ricevere una trasfusione. Fateci emozionare. Sentiamoci uniti. Scriveteci a socialmedia@avis.it

 

Grazie di cuore.

 

Leggi anche:
Avis e la sicurezza sanitaria nella donazione di sangue. Scopri di più, clicca qui.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

ARTICOLI CORRELATI

INSTAGRAM
Segui il nostro profilo