STAI LEGGENDO

AVIS Provinciale Brescia: “Piacere AVIS. E Tu?”...

AVIS Provinciale Brescia: “Piacere AVIS. E Tu?”

“Piacere: Avis” e i giovani

Nel 2018 Giulia Corti è una studentessa dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia. Frequenta il corso di laurea in Scienze dell’Educazione e della Formazione della Facoltà di Scienze della Formazione ed è prossima alla laurea. Come argomento di tesi Giulia ha deciso di portare la sua esperienza diretta in AVIS Provinciale Brescia con il progetto “Piacere, AVIS. E tu?”.

 

Ciò che segue qua e negli articoli delle prossime settimane è l’elaborato discusso da Giulia per la sua tesi durante l’anno accademico 2018/2019. La giovane ragazza ha voluto farne dono come testimonianza diretta di partecipazione attiva nel progetto avisino.

Clicca qui per leggere l’introduzione della tesi.

1.4fAVIS Provinciale Brescia: “Piacere AVIS. E Tu?”

Sulla scia delle indicazioni promosse da AVIS Nazionale, anche all’interno delle realtà Provinciali, sono nate aree dedicate alla promozione del dono e della cittadinanza attiva nel mondo scuola. La sezione Provinciale di Brescia, sempre attenta alla missione di incontrare i giovani, ha sviluppato nel tempo percorsi formativi volti a raggiungere tale finalità. Nei primi anni di promozione nelle scuole la presenza nelle aule si è manifestata attraverso l’esperienza diretta raccontata dai donatori. In seguito, la testimonianza dei donatori volontari ha lasciato spazio al racconto di formatori preparati e professionali.

 

Questo ha portato, nella realtà bresciana, alla nascita di un progetto denominato: “Piacere AVIS. E tu?” dal 2012 affidato all’Osservatorio sul Volontariato dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia. AVIS ha chiesto di progettare percorsi di promozione della cittadinanza attiva, e al progetto, pur mantenendo lo stesso nome, sono apportati alcuni cambiamenti significativi: gli obiettivi si sono diversificati in riferimento a contenuti, metodi strumenti, linguaggi al fine di entrare in sintonia con bambini, adolescenti e ragazzi.

 

Il progetto, sebbene assuma sfumature metodologiche differenti nei diversi ordini di studio, si caratterizza in linea generale per due tipologie di proposte formative: la visita guidata all’interno delle Unità di Raccolta e interventi in aula. Il secondo ha come scopo quello di rendere gli studenti attivi cercando di far scaturire in loro opinioni, emozioni «avvalendosi del metodo attivo-induttivo e di strumenti quali: problematizzazione, domande-stimolo, giochi, ideazione della carta della solidarietà e/o del donatore, questionari, filmati, slide e brani musicali». Gli incontri, che hanno durata di due ore per gruppo classe, terminano con la somministrazione di un questionario anonimo e con la distribuzione di gadget e materiale informativo fornito gratuitamente da AVIS. I formatori a volte lasciano poi agli insegnanti interessati anche suggerimenti e attività da proporre agli studenti in modo da continuare a stimolare gli alunni sul tema della cittadinanza attiva.

 

Accanto a questo progetto, AVIS Provinciale Brescia ha partecipato a diversi eventi e ha realizzato attività di promozione tra cui nel periodo 2012-2014:

 

  • Concorso “Voglio farlo anch’io”: «realizzato in collaborazione con il Gruppo Giovani di AVIS Provinciale Brescia, prevede la realizzazione di un videoclip o 31 di uno spot audio riguardante la solidarietà e la donazione del sangue» .
    Successivamente questo progetto negli anni ha assunto diversi nomi tra cui: “AVIS’ got talent” e “Ho incontrato AVIS”.
  • Olimpiadi di Matematica
  • Seridò
  • “Brescia città della solidarietà per tutte le età e tutte le culture”: progetto attivo nel corso dell’anno 2013-2014 ha portato Avis ha lavorare attorno al tema della promozione del volontariato e della solidarietà collaborando in rete con altre diverse Associazioni.
  • Peer to peer: incontri formativi rivolti agli studenti degli istituti secondari di secondo grado, volti a stimolare nei giovani la voglia di attivarsi per realizzare progetti di volontariato a supporto di pari in difficoltà.

 

Leggi anche:
É in arrivo il sensore per misurare il glucosio durante l’attività sportiva. Una azienda farmaceutica statunitenseha ideato sensore per misurare la quantità di glucosio presente nel sangue mentre si svolge attività sportiva. Scopri di più, clicca qui.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

ARTICOLI CORRELATI

INSTAGRAM
Segui il nostro profilo